Legamabiente: ancora troppi rifiuti abbandonati sulle spiagge italiane

Arriva l’estate, voglia di spiaggia ma attenti ai rifiuti!

Arriva l’estate e torna la voglia di sole, spiaggia e mare.

Cosa c’è di più rilassante e piacevole di una giornata in spiaggia ?

Questo bene comune che circonda la nostra splendida penisola va però rispettato e tutelato dall’incuria umana,  i risultati dell’indagine “Beach litter”  di Legambiente  fanno riflettere sulla mancanza di sensibilità verso il tema ambientale e sulla “leggerezza” con cui si attuano comportamenti che distruggono la flora e la fauna quando l’alternativa sarebbe semplicemente recarsi ad un cestino della spazzatura.

Legambiente e l’indagine “Beach litter”   

        

Beach litter - rifiuti spiaggia - inquinamento

L’ indagine   “Beach litter”   promossa da Legambiente nell’ambito della campagna “Spiagge e Fondali puliti – Clean-up the Med 2015” creata  in collaborazione con Cial, Novamont, Mareblu e Virosac ha visto centinaia di volontari impegnati nel ripulire e monitorare 54 spiagge del Mar Mediterraneo di cui 29 in Italia e 25 negli altri paesi costieri.

I principali indicatori presi in considerazione sono: la composizione del rifiuto e la sua quantità e grandezza

La top ten dei rifiuti sulle spiagge italiane

Sia in Italia che negli altri paesi dove è avvenuta l’indagine “Beach litter”  la plastica è il rifiuto più diffuso.

Nel nostro paese questa rappresenta l’80% dei rifiuti spiaggiate,  mentre all’estero si ferma al 67%.

spiagge - rifiuti - plastica - inquinamento

La nota positiva, visto che vogliamo essere ottimisti, è la notevole diminuzione di sacchetti di plastica  non biodegradabili  che si attestano al 2%.

Questo risultato si è raggiunto probabilmente grazie alla battaglia intrapresa proprio da Legambiente per il divieto di vendita di questa tipologia di sacchetti.  Nelle altre nazioni la presenza dei sacchetti di plastica in spiaggia è ancora del 7%, notevolmente più alta.

I rifiuti maggiormente diffusi sulle spiagge italiane sono:

  • bottiglie di plastica (10,3%)
  • tappi e coperchi di plastica e metallo (6,9%),
  • nasse, reti, strumenti da pesca e cassette per il pesce (6,5%).
  • rifiuti da mancata depurazione (4,9%) come cotton fioc, assorbenti, blister, deodoranti da wc.
  • stoviglie usa e getta di plastica (4,8%),
  • materiali da costruzione (4%),
  • flaconi di detergenti (3,8%),
  • bottiglie di vetro (3,3%)
  • sacchetti di patatine e stecchetti di leccalecca e gelati (1,9%)

 Anche a casa smaltiamo correttamente i rifiuti

La massiccia presenza sui litorali  italiani di  rifiuti da mancata depurazione evidenzia come purtroppo vi sia pochissima sensibilità e buona volontà di smaltire correttamente anche i rifiuti casalinghi.

Gettarli nel wc può sembrare  l’opzione più semplice  ma purtroppo cosi si inquinano  spiagge e mare anche a causa dell’inefficienza dei sistemi depurativi che svolgono solo in parte la funzione di filtraggio a cui sono preposti.

Rifiuti spiaggiati = morte per fauna e flora marina

pericolo rifiuti - mare - spiagge- inquinamento - flora e fauna

E’ inoltre assurdo che ancora oggi la maggioranza dei rifiuti derivi dall’abbandono consapevole in loco che testimonia la totale indifferenza verso l’ambiente costiero e la fauna.

I rifiuti abbandonati sui litorali o smaltiti scorrettamente nel wc nelle abitazioni causano ogni anno una strage silenziosa di tartarughe, uccelli e pesci.

Diversi studi hanno provato che nel Mediterraneo l’ingestione di rifiuti è la causa di morte del 79% delle tartarughe marine e dell’intero ecosistema del mare, un dato che sicuramente fa riflettere.

Cosa accade sulle altre spiagge del Mediterraneo

La poco onorevole classifica di spiagge dove è più massiccia la presenza di rifiuti vede in prima posizione la Turchia, dove vi è una media di 33 rifiuti ogni 100 mq (densità doppia rispetto all’Italia), seguita dall’Algeria e dalla Croazia.

Aiuta l’ambiente con un atto di solidarietà, Come?

Per scoprirlo visita il sito: www.progettoinnovazione.eu

O invia una mail a: info@progettoinnovazione.com